venerdì 19 giugno 2015

Gelaaaatiiii



Facciamo sempre le spese al supermercato insieme. Se almeno uno dei ripiani non è coperto di formaggi, il frigorifero, per mio marito, è vuoto. Non ha nessuna importanza se il cesto della verdura trabocca, se l’orto esplode, se in giro per la cucina ho contenitori vari zeppi di frutta. Quello non è cibo. E’ uno sfizio, un di più. Dico” vai tu, ti prendi quello che vuoi e lo preparo.” No, si va insieme. Accada quel che deve accadere. Lui lo sa ed io lo so. Io percorro le corsie in 20 secondi. Lui osserva tutto. Non mette le cose nel carrello. Indica il prodotto con un cenno del capo ed io, immancabilmente, mi giro dall’altra parte. Finisce che sbaruffiamo … L’ultima, la discussione più recente, per i gelati. “questo lo prendiamo, è di soia, ci fa bene!!!” “ dai no, ma leggi l’etichetta, c'è scritto: addensanti, conservanti, E questo, E quell’altro, tracce, cip, ciop … non penso mica che ci faccia bene, senti, preparo io il gelato!” Mi piacerebbe mostrarti la sua espressione col sopracciglio alzato ed il piglio imbronciato “ ma dai, che prepari? con cosa? questo è cremoso, per farlo così ci vuole la gelatiera e non l’abbiamo, poi ci metterai un secolo, uno ha voglia di gelato, lo compra pronto, conserva nel congelatore e fine!”  Fine?? Si, si certo!!!




Ingredienti
Frutta matura, yogurt
Accessorio indispensabile: mixer, oppure frullatore, oppure minipimer.





Prepara delle banane mature tagliate a fettine, per una bella porzione di gelato te ne servirà 1 media per persona, e ponile a congelare. Puoi prepararne in quantità ed usarle al bisogno. Fai lo stesso con la frutta che gradisci. Io preferisco usare frutta molto matura, è più zuccherina e profumata. Prepara il tuo gelato al momento: inserisci nell’apparecchio la banana congelata e aggiungi una manciata di ciliegie snocciolate. Frulla fino ad avere la consistenza che preferisci, assaggia, e, se ti sembra poco dolce, aggiungi del succo d’agave oppure il dolcificante che ti piace di più. Il risultato sarà cremoso, la collosità della banana crea un effetto molto reale e soddisfacente. Per la seconda preparazione usa frutta congelata, ti consiglio frutta asciutta tipo albicocche, otterrai un composto più omogeneo e senza cristalli di ghiaccio. Prima di congelare, prepara i frutti a pezzetti per un uso più agevole e frulla insieme a yogurt denso. In questo caso la proporzione frutta=yogurt sarà a favore della frutta in rapporto di quasi 2 a 1, ma, in ogni caso, il risultato sarà più simile ad un sorbetto. Per me non c’è paragone con i prodotti industriali. Certo, non c’è alcun appetizzante, il gusto, abituato a sapori artefatti, riscopre toni dimenticati. E le virtù non finiscono qui! Vuoi mettere frutta fresca, magari biologica, nessun additivo, tempo di preparazione minimo e voglie soddisfatte a qualunque ora del giorno con zero sensi di colpa?



 Foto di Valentina








sabato 13 giugno 2015

Tortino di rape rosse



Alzarmi al mattino presto è una abitudine che amo. Il risveglio lento. Tutta una intera giornata davanti. Mille possibilità. E mentre innaffio i fiori penso al pranzo. Voglio usare subito un mazzo di rape rosse, una meraviglia. Una ricetta di frolla con ingredienti insoliti, un ripieno colorato… piccole gioie di inizio estate!


Ingredienti
Rape rosse con foglie 1 kg
Aglio, olio evo, sale, pepe.
Per la frolla:
Farina di mais bramata g 50
Farina di farro g 180
Semi di lino g 50
Acqua g 85
Olio evo leggero g 35
Sale 1 pizzico
Per finire
Pastella con farina di ceci, acqua, olio evo, sale. 
Mandorle, semi di sesamo


Pulisci con cura le rape spazzolando sotto l’acqua per togliere tutta la terra, taglia e lava bene anche la parte aerea. Riempi d’acqua una pentola e metti a bollire le rape fino a che saranno tenere, all’incirca per mezz’ora. Fai una fontana con le farine ed i semi, aggiungi il sale, l’olio, l’acqua e impasta velocemente. Spennella di olio uno stampo quadrato misura 20X20, spolvera di farina e adagia l’impasto dopo averlo steso ad uno spessore uniforme di circa mezzo centimetro, avendo cura di coprire anche i lati per almeno 3 centimetri. Inforna a 180° e cuoci in bianco, senza punzecchiare né ricoprire la frolla, per 25 minuti. Scarta le parti rovinate, taglia foglie e gambi a pezzetti e sbollenta anch'essi per 15 minuti. Scalda una padella, versa un cucchiaio d’olio ed uno spicchio d’aglio, salta brevemente le foglie ed i gambi, come faresti con gli spinaci, insaporisci con sale e pepe e metti da parte. Scola le rape, attendi che raffreddino abbastanza per poterle maneggiare, mondale della pelle e tagliane 2 a fette. Se credi, puoi usarle tutte, io ti descrivo la ricetta così come l’ho eseguita, poiché la parte restante l’ho usata per una insalata. Salta le fette in padella con aglio, olio, sale e pepe, come hai fatto in precedenza con le foglie. Ora prepara una pastella frullando due cucchiai rasi di farina di ceci, un piccolo bicchiere d’acqua ed un pizzico di sale. Togli il guscio di frolla dal forno, fai uno strato di rape e foglie, versa la pastella di ceci, completa con il resto di verdura, spolvera con due cucchiai di semi di sesamo e mandorle tritati finemente, un giro d’olio e inforna per altri 10/15 minuti o fino a che la frolla è dorata. Questo tortino è buonissimo caldo, ottimo tiepido, delizioso freddo! 
La cottura in bianco permette di cuocere parzialmente la pasta frolla ottenendo due vantaggi: il ripieno non inumidirà eccessivamente la crosta e la farcitura non subirà una ulteriore cottura che, in questo caso, sarebbe del tutto superflua.



 Foto di Valentina