sabato 10 gennaio 2015

Biscotti e bevanda alle nocciole



Non so per te, ma, il sabato, per me e, mi risulta, per tante altre persone, è il giorno delle pulizie più accurate, il giorno in cui si cambiano le lenzuola, si fanno parecchie lavatrici, si lavano i pavimenti di tutta l’abitazione, intendo tutti insieme, no un giorno la cucina, l’altro il bagno, si aprono le finestre, si spolvera tuttotuttotutto … io non so nemmeno descrivere quanto detesto spolverare, è una roba che mi fa venire l’orticaria, lo confesso!! Dicevo le pulizie, bene, io normalmente faccio le pulizie in modalitàmitocca : devi fare, fai presto e fai bene, punto. Non oggi, no, oggi proprio no. Sarà che stamattina sono felice, sarà che anche se guardo fuori dalle finestre e vedo una nebbia fitta e fredda, nonostante tutto “casa” non è mai stata più “cuccia calda” di così! Oggi, quello che fa la differenza tra una giornata di noiosi doveri e una in cui ti gusti ogni attimo è una gioia condivisa con Vaty e le amiche bloggalline. Oggi una bellissima notizia ha reso fantastico persino spolverare, non ci posso credere!! Festeggi con me? Facciamo biscotti! #bloggalline #solocosebelle #ironman



Ingredienti
Farina semintegrale g 180
Okara di nocciole (oppure farina o granella di nocciole) g 70
Zucchero muscovado g 50
Ammoniaca (agente lievitante) g 5
Olio e.v.o. g 30
Zucchero semolato q.b.

Preparo una bevanda con le nocciole che mi piace molto, faccio in questo modo: verso in un contenitore alto 500 g di acqua fredda e 50 g di nocciole ( a volte tostate a volte no, a seconda del tempo che ho, se le tosti, il sapore è più accentuato), lascio riposare per 1 ora, poi, col minipimer, frullo fino a polverizzare il più possibile le nocciole. Per agevolare questa manovra, tolgo metà acqua e la rimetto successivamente, poi passo tutto al colino, dove schiaccio e strizzo molto la parte solida per asciugarla il più possibile. La parte liquida è una bevanda che puoi zuccherare a tuo piacere e può essere conservata in frigorifero per non più di 2 giorni, mentre la parte solida è una farina grossolana un poco umida che prende il nome di okara, in quanto, appunto, “scarto” della precedente lavorazione. Ma poiché non si butta nulla, la metto in altre preparazioni come i biscotti, dove sprigiona comunque l’aroma di nocciola ed, insieme, regala un gradevole effetto “crunchy” dovuto a qualche granello.

Mescola le farine e lo zucchero, fai una conca al centro versa l’olio e l’ammoniaca sciolta in un cucchiaio di acqua. Mescola tutto insieme, devi ottenere un impasto asciutto e modellabile, da poter lavorare subito. Se lo ritieni necessario, aggiungi acqua poco alla volta. Preleva piccole quantità di impasto, forma dei cordoncini sottili che attorciglierai dandogli la forma che vedi nelle foto. Spolverizza di zucchero e poni su di una teglia ricoperta di carta forno leggermente distanziati tra loro. Inforna a 180° statico, a metà altezza per 10/12 minuti, il tempo che le punte si colorino.

 Ha fotografato Valentina




SHARE:

29 commenti

  1. A me invece sono toccate U.U mi prendo una pausa e mi gusto uno dei tuoi biscottini x ritrovare la carica x continuare ...Buon we cara <3

    RispondiElimina
  2. mi piacciono,tanto tanto,grazie e felice sabato

    RispondiElimina
  3. anche io oggi ho goduto della bella notizia, dopo tanta apprensione...
    Un abbraccio e buon sabato....correrei subito da te per la merenda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...è stato incredibile..e bellissimo!! Magari averti qui per una merenda!!
      Un bacio grande Simo ♥

      Elimina
  4. E' sempre così bello rebdersi conto che a volte basta così poco per mutare l'umore di una giornata! Festeggio con te... ma certo che sì! E complimenti per questi pucciosissimmi biscottini! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto biscottando a ritmi preoccupanti ^ ^...però questi avevano una ottima causa!!
      Baci Ro!

      Elimina
  5. ...che bello leggere il tuo buonumore Sandra!
    e i biscottini alla nocciola, me li immagino: profumati, dolci, secchi e porosi grazie all'ammoniaca...da sgranocchiare uno dopo l'altro!
    e oggi ho imparato pure una cosa nuova! "okara"! tempo fa avevo fatto il "latte di nocciola" (l'avevo definito così, io) dal quale avevo realizzato una mousse delicatissima...e tutto quello "scarto" di noccioel tritate l'avevo usato in un dolce. :-)
    guai a buttare!!!
    un bacio affettuoso!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo documentarmi meglio sull'uso dell'ammoniaca , per ora posso dire che non sento il retrogusto, cosa che invece mi capita col lievito chimico...potrebbe essere un cosa buona? mah!
      Riguardo all'okara, in realtà non so nemmeno se è corretto definirla così, visto che il termine più propriamente si riferisce a ciò che rimane della lavorazione della soia per produrre il latte, ma, insomma, era per spiegare ^ ^ Comunque questi sono semplicissimi biscottini, niente a che vedere con le tue splendide preparazioni che nulla hanno da invidiare a prodotti di alta pasticceria!
      ..una mousse al latte di nocciola..so già che mi piacerebbe!
      Un grande abbraccio Eleonora, a presto!

      Elimina
    2. Per la mia esperienza, con l'ammoniaca per dolci si ottengono biscotti asciutti e porosi, e con la cottura il suo odore-sapore scompare del tutto. Mi piace molto usarla per i biscotti "da inzuppo".
      grazie per i complimenti, sei cara. Ma credimi, anche se mi piace pasticciare tra creme e strati e lievitazioni, fondamentalmente resto un'amante delle preparazioni "semplici", quelle che si possono mangiare quotidianamente senza stancarsene!
      ciao Sandra!!!!

      Elimina
  6. Anch'io ho la corvée domestica al sabato, per vecchia abitudine di quando lavoravo, e anch'io la faccio sempre in modalità uffamitoccaproprio! Se avessi qualcuno di questi buonissimi biscottini per una pausa, sarebbe meno pesante di sicuro. Grazie per la ricetta del latte alle nocciole, che piace tanto al mio piccolo, la proverò senz'altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco :uffamitoccaproprio!..no, di solito non canto col piumino per la polvere a mò di microfono, proprio no!
      Anche io amo il latte alle nocciole, da quando ho provato un prodotto preso al super, bio per carità, però davvero caro...ho cercato e , come sempre, il web è generoso, tanto che non si potrebbe nemmeno attribuire a qualcuno la ricetta da quante ce n'è! Io ho optato per la più semplice, ma c'è chi aromatizza, chi aggiunge uvetta, insomma di tutto un pò! Son contenta di avertela segnalata per il tuo piccolo ♥
      Un bacio Ornella

      Elimina
  7. Anche per me il sabato è sempre stato sinonimo di pulizie, ma la tendenza, ultimamente, è di rivoluzionare le abitudini ^_^
    Ha rallegrato anche me la notizia del miracolo. E' proprio vero che la vita è una tentazione forte e che i piccoli iron man non possono che vincere. Io festeggio con te, con questi meravigliosi biscotti. Ho letto Okara di nocciole.... hai forse preparato il latte? ^_^
    Un abbraccio grandissimo e grazie per queste emozioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che rallegrata, mi ha lasciata con la certezza che tante mani unite possono l'impossibile, cosa che, son sincera, sospettavo da un pò ^ ^

      Siiii, ho preparato il latte...ma...ho sbagliato qualcosa?...ecco, correggimi se sbaglio!
      Un abbraccio bellissima Erica ♥

      Elimina
  8. se si tratta di festeggiare ci sto! i biscotti sono un portento.
    felice domenica,
    amelie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai vieni!! Che festa è senza amici? Un bacio Amelie :)

      Elimina
  9. wow splendidi con lokara di nocciole, anche io la uso sempre per i biscotti :))
    buona merenda!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? E' perfetta!! Grazie cara, un bacio!

      Elimina
  10. atmosfere invernali per questa dolce pausa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedessi oggi invece che sole !! ...però i biscotti sono finiti...troppi golosi in famiglia, io per prima!
      Ciao cara, un bacio!

      Elimina
  11. Si una bella notizia ed un sospiro rilassante. Per i biscotti passo per la bevanda provo ma io cose dolcine non potrei managgia ma almeno un biscottino qui me lo godo. Ti leggo su FB ed ora sono anche qui. Pulizie.....le odio da sempre ma si devono fare e quindi non ho un giorno preciso ma non sabato quello lo dedico a me stessa....era l'unico giorno che potevo dedicarmi quando lavoravo per cui è rimasto. Un abbraccio e buona giornata e buona fine settimana.

    RispondiElimina
  12. Carinissimi, si possono gustare come sui vuole ma con la bevanda alle nocciole è il massimo.
    Baci e buona serata

    RispondiElimina
  13. una versione di ricetta di biscotti con le nocciole molto interessante

    RispondiElimina
  14. Verissimo, bellissima notizia! Per me "quel giorno"è la domenica, perché il locale è chiuso, penso ancora per poco, poi avrò tutti i giorni a disposizione per le pulizie ahhhahhhh
    Ottima la tua bevanda ma ancora di più i biscotti. Ottimi. Un bacio dolce Sandra

    RispondiElimina
  15. MI viene da piangere!!! Per me è sabato tutti i giorni!!!!!!!! La polvere poi... non me ne parlare. Mia figlia è allergica e non ti dico quanto spolvero!!!!
    Cosa è l'okara di nocciole???? Particolare.
    Baci.

    RispondiElimina
  16. Questa versione è molto bella! Sono deliziosi! complimenti! Un salutone :)

    RispondiElimina
  17. Bellissima l'idea della bevanda alle nocciole ed interessante anche l'idea dello scarto, poi non hai messo il lievito chimico che detesto.. Ricetta segnata come molte altre delle tue Sandra ♥

    RispondiElimina
  18. Che bella questa ricetta e anche quella del latte di nocciola! Me la segno e complimenti per il blog! ;-)

    RispondiElimina

Leggo con gioia i vostri commenti , siete in tanti a farmi visita tutti i giorni e anche se lo fate in silenzio la cosa mi fa ugualmente piacere,grazie ♥

© dolce forno. All rights reserved.
Blogger Templates by pipdig